• Vino - Valsusa
  • Formaggi - Valsusa
  • Archeologia Val di Susa
  • Castagne e funghi - Valsusa
  • Prodotti agricoli - Valsusa
  • Le opere dell'otto-novecento - Valsusa
  • Ecomusei e tradizione - Valsusa
  • San Giorio di Susa - Valle di Susa
  • Arte Sacra Valsusa
  • Tra Romanico e Gotico
  • Dolci - Valsusa
  • Forte di Exilles
  • Altri prodotti della tradizione - Valsusa
  • Abbazie e Monaster Valsusa
  • I parchi naturali - Valsusa
  • Sistema museale diocesano valsusa
  • Valle di Susa Turismo Natura
  • Escursioni e Natura Valle di Susa Pian dell'Orso
  • Lo sci - Valsusa
  • Il lavoro e l'industria - Valsusa

Il territorio



  • Il patrimonio artistico della Valsusa

    La complessa storia della Valle di Susa ha fatto sì che sul suo territorio rimanessero numerosi i segni del tempo e delle culture che l’hanno abitata, fin dall’epoca preistorica. Molti sono quindi i punti di interesse, dai reperti romani e gotici alle numerose abbazie, al ricco patrimonio delle arti figurative e dell’arte sacra.

  • Castelli e forti Valsusa

    Il territorio delle Alpi Occidentali, è stato oggetto, nel corso dei secoli, di una fitta attività fortificatoria, mirata ad impedire il transito lungo le valli alpine, spesso utilizzate come canali di eserciti indirizzati verso lontani campi di battaglia. Il possesso dei fondovalle ed il controllo dei valichi, rivestiva perciò un'importanza strategica fondamentale. Questo spiega una così diffusa e visibile presenza militare sul territorio, che non ha paragoni in nessun’altra area alpina. 

  • I segni dell'uomo della Valsusa

    La valle di Susa, nei libri di storia, è ricordata principalmente per il passaggio degli eserciti e dei loro generali, e come avamposto fortificato a difesa della pianura. La storia della valle non è però solo quella di Annibale, di Federico Barbarossa, e di Napoleone. È la storia degli uomini e delle donne che l'hanno abitata, lavorando la terra e interagendo con la montagna. Di Annibale e di Barbarossa forse non conoscevano neppure il nome, ma sapevano come definire in dialetto tutte le piante e le erbe che crescevano sui pendii.

  • Enogastronomia della Valsusa

    La Valle di Susa, per il particolare microclima che la contraddistingue dalle altre vallate alpine e per la presenza di importanti vie di comunicazione verso la Francia e verso la pianura, che hanno reso possibile sin dall’antichità un continuo scambio di prodotti e saperi, offre oggi molte varietà di prodotti della terra e numerose produzioni tipiche: vini, formaggi, miele e salumi, castagne, frutta e patate, declinati poi con una sapiente e ricca tradizione culinaria. La coltivazione e la produzione sono state legate in origine ad un’economia di autoconsumo o di vendita nei mercati locali; oggi l’attenzione verso questa tipologia di prodotti, valorizzati e riconosciuti attraverso marchi di tutela, ha permesso un rilancio commerciale anche al di fuori del territorio valsusino.

  • Una valle olimpica - Valsusa

    La Valle di Susa è indubbiamente una delle aree del Piemonte a maggiore vocazione sportiva. Una Valle in cui lo sport è davvero quattro stagioni, anche se chiaramente la stagione dello sci la fa da padrona in termini di presenze e notorietà. Qui lo sci è nato, qui lo sci la fa da padrone, qui ci sono tre comprensori che fanno della Valle di Susa una delle mete preferite dagli sciatori di tutto il mondo. 

  • Natura - Torismo - Valsusa

    La Valle di Susa per la sua conformazione geografica è sempre stata una terra di transito. Sono passati eserciti e pellegrini, nobili e viandanti. Già nel medioevo i marrons di Novalesa erano occupati a servizio di chi passava in valle Cenischia e al Moncenisio l’antico Ospizio era a servizio dei tanti che valicavano le Alpi in un senso  o nell’altro. Tuttavia il turismo in Valle di Susa, per il concetto moderno del termine, si deve far risalire agli inizi del Novecento, con le prime seconde case della borghesia torinese e con le prime strutture alberghiere create ad hoc. Un turismo legato alla montagna nelle sue stagioni peculiari: l’estate per le escursioni ed il refrigerio, l’inverno per la diffusione dello ski. 

TORNA SU