"Giornate FAI di Primavera", gli appuntamenti in Valsusa e Valsangone

Si avvicinano le Giornate FAI di Primavera 2022, in programma sabato 26 e domenica 27 marzo. Giunte al trentesimo anno, le Giornate FAI sono una festa, ma anche l’occasione per conoscere il patrimonio culturale territorio: in tutta Italia sono in programma visite a contributo libero in oltre 700 luoghi inaccessibili o poco conosciuti.

In Valle di Susa

Le visite si svolgeranno in Valle nei comuni di Chianocco e Foresto, dove sarà possibile visitare: l'antica cava di marmo e l'antica cava di pietra, la cappella della Madonna delle Grazie (Chianocco), il castello di Chianocco con il museo degli antichi mestieri, la casaforte di Chianocco. Saranno inoltre segnalate la Chiesa di Sant'Ippolito e la Chiesa di S. Pietro Vecchia

Sabato 26 marzo alle ore 17.00 a Bussoleno si svolgerà la conferenza gratuita: "Dalla pietra grezza all'architettura", in cui si parlerà dell'utilizzo dei marmi della Valle di Susa nelle architetture torinesi.

Antica cava di Pietra di Foresto (loc. Picchiera)

Visita accompagnata alla scoperta dell’antica cava di Foresto, nota per l’estrazione del marmo dolomitico micaceo di colore chiaro. Data la vicinanza con Torino e la qualità della materia prima, il marmo fu utilizzato dagli architetti di Casa Savoia per i più prestigiosi edifici, fra cui Palazzo Reale. Nella visita non solo si percorrerà l’evoluzione storica della cava, utilizzata già dai romani, ma si potrà apprezzare anche la morfologia del territorio.

Info: Ritrovo presso il banchetto FAI (scuola elementare di Foresto) sabato 26 marzo h. 10-16.30 e domenica 27 marzo h.10-18. Durata: 45 minuti, 15 persone. La prenotazione non è obbligatoria, ma è necessario indossare la mascherina ed esibire il green pass rafforzato.

Cappella della Madonna delle Grazie di Foresto

Visita accompagnata alla scoperta della Cappella della Madonna delle Grazie (bene solitamente non visibile), che sorge ai margini dell'abitato di Foresto in una località denominata “della Posta”, dove un tempo avveniva probabilmente la sosta e il cambio dei cavalli che transitavano lungo la via francigena. Di particolare rilievo il ciclo di affreschi quattrocentesco attributo all'ambito di Antoine de Lonhy, pittore tolosano attestato ad Avigliana attorno al 1462.

Info: Ritrovo presso il banchetto FAI (scuola elementare di Foresto) sabato 26 marzo h. 10-15.30 e domenica 27 marzo h.10-17,30. Durata: 45 minuti, 15 persone, La prenotazione non è obbligatoria, ma è necessario indossare la mascherina ed esibire il green pass rafforzato.

GUARDA IL VIDEO realizzato da RaiNews: Dalle cave valsusine di Chianocco tanti gioielli d'arte

Giornate Fai di primavera
 

In Val Sangone

il Gruppo Fai Val Sangone propone, sempre nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 marzo, un percorso nel centro storico di Villarbasse, ricco di edifici nobiliari: la località infatti fu residenza di villeggiatura delle famiglie di Casa Savoia.

Vi sarà un unico percorso, che prevede il ritrovo in Piazza delle Chiese. La visita comincerà con il parco e le eleganti sale di Palazzo D'Angennes, proseguirà con la storia di Palazzo Gonella ammirando la sua architettura classicista.

L'ingresso al Torrazzo, edificato nel XIII secolo dai De Pertusio Signori di Avigliana per concessione dei conti di Savoia, sarà riservato ai tesserati FAI. L'edificio medievale difensivo è attorniato da un fossato, che si supera attraverso un ponte di pietra che in principio fu un ponte levatoio. Al suo interno si possono ammirare diverse sale fino a salire in cima dove si può godere di un bel panorama.

La passeggiata culminerà a Palazzo Cucca-Mistrot fra saloni dai soffitti a cassettoni decorati in cui è conservata una delle collezioni private più grandi al mondo, che vanta di un centinaio di dipinti dal `400 al `600 raffiguranti la Maria Maddalena.

Una sala di Palazzo Mistrot.

Una sala di Palazzo Cucca-Mistrot.

Condividi questa pagina