Il Valsusa FilmFest 2022 ha per tema le "Comunità" ed ospita Reinhold Messner

Tra il 25 marzo e il 7 maggio 2022 si svolge la 26a edizione del Valsusa Filmfest, festival cinematografico e culturale sui temi del recupero della memoria storica, della montagna e della difesa dell'ambiente. 

Dopo le difficoltà imposte dall’emergenza sanitaria, che hanno obbligato a trasferire la programmazione delle ultime due edizioni prevalentemente nel periodo estivo, il festival ritorna alla sua tradizionale collocazione con eventi programmati nei mesi di marzo, aprile e maggio, in particolare intorno alla ricorrenza del 25 Aprile. 

Il tema portante scelto per questa edizione è quello delle Comunità, intese come “modello da seguire per restituirci la capacità di pensare a un modo differente di convivere, per riabituarci a sognare un altro mondo possibile” [Carlo Petrini] o come “grande antidoto agli individualismi che caratterizzano il nostro tempo, a quella tendenza diffusa oggi in Occidente a concepirsi e a vivere in solitudine” [Papa Francesco].

 

GLI INCONTRI CON MESSNER

L’ospite principale è Reinhold Messner, che sarà protagonista di un doppio appuntamento il 26 marzo 2022, alle ore 16,30 al Palazzo delle Feste di Bardonecchia e alle ore 20,00 al Teatro Magnetto di Almese.

Reinhold e Gunther Messner

Reinhold e Gunther Messner.

 

In entrambi gli eventi, il mitico alpinista, esploratore e scrittore sarà inizialmente a disposizione del pubblico insieme ad Alessandro Filippini per firmare copie del loro libro “Noi, gente di montagna”.

L’evento di Bardonecchia proseguirà con la proiezione del docufilm “Fratelli si diventa. Omaggio a Walter Bonatti, l’uomo del Monte Bianco” di Alessandro Filippini e Fredo Valla. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria presso l'Ufficio del Turismo oppure scaricando l'app APPyBARDO (non compatibile con il sistema iOS).

L’evento di Almese proseguirà con la conferenza in cui Messner racconterà quanta parte della sua vita è legata al Nanga Parbat. Il biglietto di ingresso è di € 10, i posti sono sold-out, ma è possibile iscriversi a una lista d’attesa per eventuali defezioni inviando un email a segreteria@valsusafilmfest.it. 

LEGGI ANCHE: La storia del Valsusa Filmfest, rassegna cinematografica resistente nata nel 1997

 

CINEMA IN VERTICALE

Cinema in Verticale”, rassegna con opere cinematografiche ed altri eventi sul tema della montagna e della cultura alpina, organizzata in passato dall’associazione Gruppo 33 di Condove, entra a far parte della programmazione del Valsusa Filmfest dopo essere stata per molti anni proposta come anteprima.

Il 25 marzo alle ore 20,30 la rassegna apre il Filmfest al Cinema San Lorenzo di Giaveno con il regista Michelangelo Frammartino che presenta il suo film “Il buco” (ingresso € 5,00).

Il film, che ha ricevuto il Premio Speciale della Giuria all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, racconta la spedizione nell’inesplorato Abisso del Bifurto (una grotta profonda 683 metri nel Parco Nazionale del Pollino) condotta nel 1961 da un gruppo di giovani membri del Gruppo Speleologico Piemontese, un’impresa eroica dimenticata dal tempo.

‍Immagine dal film "Il buco" di MIchelangelo Frammartino il 25 marzo a Giaveno

Immagine dal film "Il buco" di Michelangelo Frammartino.

 

Il 24 aprile alle ore 16:00 al Teatro Don Bunino di Bussoleno viene presentato lo spettacolo teatrale “Terra Nova. La grande corsa al Polo Sud” di e con Alberto Borgatta.

Il 29 aprile alle 17:30 al Cinema Teatro Fassino di Avigliana, Nicolò Bongiorno, documentarista e figlio di Mike Bongiorno e Daniela Zuccoli, presenta il suo film “Songs of the Water Spirits”.

Il 6 maggio alle ore 21 nel Salone Polivalente di Bussoleno, verranno presentati i film “Ilmurràn – Maasai in the Alps” di Sandro Bozzolo e “K2 and the Invisible Footmen” di Lara Lee.

Il 7 maggio alle 21:00 all’Ecomuseo Terre al Confine di Moncenisio, Luigi Cantore presenta il docu-film “Moncenisio SottoSopra” e un documentario sulle transumanze.

 

IL CONCORSO CINEMATOGRAFICO

Dopo due anni di pausa è stato nuovamente organizzato lo storico concorso cinematografico del Festival, suddiviso in 4 sezioni. Le proiezioni delle opere finaliste si svolgeranno tra il 21 e il 29 aprile: 

Le opere delle sezioni Cortometraggi e Produzioni Libere verranno proiettate il 21 aprile al Des Ambrois di Oulx (evento riservato agli studenti) e il 23 aprile alle 15 al Cinema di Condove. 

Le opere della sezione Le Alpi verranno presentate il 22 aprile alle ore 20,30 al Cinema San Lorenzo di Giaveno.

L’opera vincitrice della sezione Fare Memoria verrà presentata il 29 aprile alle ore 15 al Cinema di Condove e prima, il 25 aprile alle ore 16, al Polo del 900, Museo della Resistenza di Torino.

 

FILM FUORI CONCORSO

Il 19 aprile alle ore 21 al Salone Polivalente di Bussoleno, Valeria Mazzucchi e Antoine Harari presentano il loro film “L’Etincelle (La Scintilla)”.

Il 21 aprile alle ore 21 nel Salone Polivalente di Chiusa San Michele viene presentato il film “On the doorstep (Sulla soglia di casa)” della regista palestinese Sahera Dirbas che si collegherà in videochiamata da Gerusalemme.

il 25 aprile alle ore 16, al Polo del 900 - Museo della Resistenza di Torino, insieme al filmato vincitore della sezione Fare Memoria viene presentato il documentario di Roberto Leggio “Il partigiano Carlo. Ricordi resistenti di un maestro del cinema”, un bellissimo omaggio a Carlo Lizzani.

Il 30 aprile alle ore 15 al Cinema di Condove, Daniele Gaglianone presenta il suo film “Il tempo rimasto”.

Il 3 maggio alle ore 21 al Cinema Teatro Fassino di Avigliana, Gabriele Vacis presenta il suo film “Sul sentiero blu” in un evento organizzato in collaborazione con CinemAutismo e Gruppo Asperger Piemonte con ingresso di € 5,00.

 

IL PREMIO BRUNO CARLI

In ogni edizione, il festival ricorda la figura di Bruno Carli, partigiano e primo presidente della associazione Valsusa Filmfest fino al 2002, con l'omonimo premio, destinato ad esponenti di realtà impegnate in difesa dei diritti e dell'ambiente.

Da alcuni anni il Premio viene assegnato in duplice edizione: durante il Fimfest a una realtà di rilievo locale e a luglio nell’ambito del Festival Alta Felicità di Venaus ad un personaggio o soggetto collettivo di rilievo nazionale.

Il Premio “locale” verrà consegnato il 23 aprile, alle ore 21 nel Salone Polivalente di Bussoleno, ai volontari del Rifugio Fraternità Massi di Oulx, con intervento dell’attore e mediatore culturale Mohamed Ba, del sindaco di Bussoleno Bruna Consolini, di Don Luigi Ciotti e di Don Luigi Chiampo.

 

GLI EVENTI “ FUORI FESTIVAL”

Tra le varie iniziative in via di definizione, nel mese di giugno l’associazione arriva per la prima volta nel comune di Susa con una mostra fotografica di Giorgio Negro nel Castello della Contessa Adelaide. Verranno organizzati anche nuovi appuntamenti del Valsusa LiberFest, iniziativa dedicata alla letteratura.

LEGGI ANCHE: Arriva il ValsusaLiberFest, nuova iniziativa dedicata ai libri


Il XXVI Valsusa Filmfest è organizzato dall’Associazione Valsusa Filmfest in collaborazione con diverse realtà ed associazioni del territorio, con il sostegno e la collaborazione di Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Unione Montana Valle Susa, Unione Montana Alta Valle Susa, Sistema Bibliotecario Valsusa, Fondazione CRT, Istituto Scolastico Des Ambrois di Oulx e i Comuni di Almese, Avigliana, Bardonecchia, Bussoleno, Chiusa San Michele, Condove, Giaveno e Moncenisio.

Gli eventi sono ad ingresso gratuito, ad eccezione dell’evento di apertura del 25 marzo a Giaveno con Michelangelo Frammartino, dell’evento del 26 marzo ad Almese con Reinhold Messner ad Almese e di quello del 3 maggio ad Avigliana con Gabriele Vacis. 

Condividi questa pagina