Susa, il 21 luglio 33° edizione del Torneo Storico dei Borghi

Ieri, oggi e domani: il Torneo Storico dei Borghi organizzato dalla Pro Susa, che quest'anno taglia il traguardo della 33° edizione, tiene conto della tradizione storica del passato, ma è ambientato nel presente. E non dimentica certo il futuro, ovvero i giovani, cui è affidato il compito di tramandare la storia anche alle generazioni che verranno. Il primo appuntamento del calendario di eventi di quest'anno è con la sfida dei tamburini, in programma venerdì 19 luglio alle 20.30. Ma l'intero fine settimana sarà dedicato ai festeggiamenti, le cui radici affondano nel Medioevo. 

Adelaide, quest'anno impersonata da Marika Langella, ebbe un ruolo decisivo sul territorio amministrato: alla morte del marito Oddone di Savoia, figlio di Umberto di Biancamano (i cui panni saranno indossati da Simone Franchino), governò da sola sui possedimenti. In suo onore, ed in quello del marito, numerose erano le gare e le feste che si svolgevano per celebrare vittorie, matrimoni, arrivo di ospiti a palazzo. 

Adelaide

Durante queste feste si disputavano dei tornei in cui a primeggiare erano i più abili: per questo continuano ad essere proposte prove che mettono in gioco le capacità singole e di gruppo. Due di questi sono individuali, ovvero il tiro con l'arco e la giostra del saraceno, mentre serve un buon spirito di squadra, oltre a grande forza, per cimentarsi nel tiro alla funeA scendere in campo nell'arena romana per conquistare il Palio 2019 saranno i sei borghi cittadini: Cappuccini, Franchi, Nobili, Nuovo, Storico e Traduerivi. L'appuntamento è fissato per domenica 21 luglio alle 15.30.

Ma già sabato sera, 20 luglio, dopo la sfilata del corteo storico che dalle 20.30 si snoderà lungo le vie cittadine, l'anfiteatro sarà protagonista di uno spettacolo medievale in onore di Adelaide, con inizio alle 21.30. E domenica mattina, alle 10.30, nella cattedrale di San Giusto si svolgerà invece la messa nella quale sarà benedetto il Palio, con successivo corteo storico.

Se con il matrimonio tra Adelaide ed Oddone, nel passato, Susa fu al centro della storia d'Italia, anche oggi, a distanza di circa mille anni, la Città recupera quell'egemonia, ripercorrendo a ritroso il suo periodo storico. Condividendolo con quanti, sfidando il caldo rovente e le gole arse, non mancheranno, come consuetudine, di riscaldare ulteriormente la temperatura della giornata, incitando i loro beniamini nelle varie dispute. Perchè, come recita lo slogan della Pro Susa, anche questo è un modo di "ricordare il passato, vivere il presente e progettare il futuro".

Locandina

Condividi questa pagina