In valle si discute di Alzheimer: approcci innovativi e sperimentazioni a confronto

Settembre è il mese mondiale dell’Alzheimer, ed il 21 settembre è la giornata celebrativa che ogni anno riunisce in tutto il mondo malati, familiari e associazioni, testimoniando la crescita di un movimento internazionale che vuole creare una coscienza pubblica sulle problematiche legate a questa malattia. In quest'ottica, l’Associazione Alzheimer Torino ETS – ODV organizza in Valle di Susa due momenti di incontro, sensibilizzazione e riflessione sul tema delle demenze e della malattia di Alzheimer. 

Venerdì 4 ottobre alle ore 21,00, presso il Teatro Fassino di Avigliana, la Compagnia Teatrale Fabula Rasa propone la performance di improvvisazione teatrale “Insanity”, con la regia istantanea di Beppe Gromi e Andrew Detroit. Accanto all'attività di formazione e di produzione di spettacoli per le scuole, negli ultimi anni Fabula Rasa ha focalizzato l'attenzione sul mondo della disabilità con “Teatro Senza Confini - Progetto sensibile d'integrazione tra le diverse abilità”. Il progetto muove i primi passi nel 1999 con un laboratorio teatrale per persone disabili e attualmente conta cinque laboratori teatrali integrati. Il percorso di T.S.C. ha portato all'ampliamento del nucleo artistico di Fabula Rasa con l'ingresso di cinque attori diversamente abili.

L'ingresso è a offerta libera. Il ricavato sarà devoluto all'Associazione Alzheimer Torino ETS-ODV, per sostenere il progetto "La Curandera - un luogo dove incontrare l'Alzheimer" e le attività rivolte ai malati di demenza e ai loro familiari / caregiver. 

Insanity - 4 ottobre

Sabato 5 ottobre alle ore 9,30 la Sala Consigliare del Comune di Sant’Ambrogio ospiterà il convegno “Alzheimer e demenze: famiglie e comunità locali alla ricerca di approcci innovativi. Sperimentazioni a confronto”, una tavola rotonda che vede intervenire l’ASL TO3 e le referenti delle sperimentazioni italiane con approcci innovativi in ambito di Alzheimer e demenze.

Un confronto tra le esperienze di Udine, Bari, Modena, che coniugano la partecipazione attiva delle famiglie e dei caregiver dei malati, il supporto di volontari e istituzioni, la centralità della domiciliarità, con la cura e il bisogno di socialità di ospiti e familiari. 

PROGRAMMA

Saluti istituzionali e introduzione a cura di Alzheimer Torino ETS – ODV.

"Politica e politiche. Il caso Alzheimer." Dott. Mauro Occhi, Torino. Direttore Distretto Socio Sanitario Valsusa ASL To3. Esperienza pluriennale di direzione e gestione di programmi e progetti di cooperazione internazionale e di coordinamento di tavoli istituzionali sull’area delle fragilità (anziani, cronici polipatologici).

"Cohousing - Assistenza etica e sostenibile per malati di demenza." Dott.ssa Laura Nave, Udine. Psicologa, psicoterapeuta, da oltre dieci anni affianca all'attività clinica l'interesse per le malattie neuro-degenerative, sia dal punto di vista della qualità di vita del malato, sia dal punto di vista dei caregiver familiari e dei vissuti complessi legati alla cura. Nel 2015 fonda l'Associazione Demaison onlus, che promuove il cohousing come modalità etica e sostenibile di assistenza per i malati di demenza.

"La vita quotidiana in comunità come elemento terapeutico." Dott.ssa Katia Pinto, Bari. Psicologa, psicoterapeuta, Vicepresidente di Associazione Alzheimer Bari.

“Come accadde che alcune figlie, invece di piangere sui loro mali, affilarono le armi e si misero a combattere. Storia di un sogno diventato realtà. Ca' Nostra: Una realtà che prospera da 3 anni.” Laura Valentini, Modena. Caregiver, consigliere dell’Associazione G.P.Vecchi - pro senectute et dementia, presidente della Comunità familiare modenese Ca’ Nostra.

Modera Andrea Torra, Torino. Presidente Un Sogno per Tutti società cooperativa sociale. 

Per informazioni: Associazione Alzheimer Torino ETS-ODVTel. 348 2920327 (Vicepresidente Astrid Sartori)  340 8447009 (Referente comunicazione Daniela Marando) - info@alzheimertorino.it 

Convegno Alzheimer

Condividi questa pagina