Il Forte di Fenestrelle ed il paravalanghe di Pequerel

Questo itinerario si sviluppa in una bella abetaia e percorre tutto il muraglione che collega il forte San Carlo con il forte delle Valli, meraviglia di ingegno militare edificato nel 1727 dall’l’ingegner Ignazio Bertola, su richiesta del re Vittorio Amedeo II.

Per la sua struttura la fortezza è anche chiamata la grande muraglia piemontese, posta a protezione di una delle più importanti vie d'accesso al Ducato di Savoia e di comunicazione tra questo ed il Centro Europa. Nel 2007 divenne simbolo della Provincia di Torino e il World Monuments Fund la inserì nella lista dei 100 siti storico-archeologici di rilevanza mondiale. Dopo un periodo di abbandono, durato praticamente dalla fine della seconda guerra mondiale al 1990, è stata riaperta al pubblico. 


Forte di Fenestrelle

Curioso è anche il villaggio di Pequerel, che pare esistesse già nel 1300. Era collegato a Puy da sentieri, ed a Fenestrelle tramite una via d'accesso più praticata, sulla quale gli abitanti della borgata si spostavano con gli animali da soma, utilizzati anche per il trasporto di materiali e prodotti.

D'inverno era comune l'utilizzo di slitte e sci in legno costruiti in casa. Tutte le terre intorno alla borgata, di proprietà degli abitanti, erano terrazzate: alcuni campi erano coltivati a segale, altri a patate, altri ancora a grano saraceno ed avena.

La borgata sorge alle pendici del monte Pelvo a 1.730 m di quota, ma quello che la caratterizza è un imponente paravalanghe costruito nel 1716 in muratura, a forma di cuneo e con la punta rivolta verso monte, che ancora oggi si erge a protezione del villaggio per le valanghe che possono scendere dal monte Pelvo.

Pequerel (Domenico Caratto)

Pequerel (Domenico Caratto).

 

Forte San Carlo 1142 - Forte delle Valli 1770 - Pequerel 1730

  • Dislivello: 750 m

  • Difficoltà: E/T

  • Tempo complessivo: 4 ore.

  • Periodo consigliato: maggio – novembre o in inverno in assenza di neve

  • Cartografia: IGC 1: 50.000 - f. 1 - Valli di Susa, Chisone e Germanasca

  • Accesso: Pinerolo - Fenestrelle. Dopo il tornante sulla destra si prende la strada all’indicazione "Forte San Carlo". Si prosegue e si posteggia davanti al forte.

Dal parcheggio del forte si torna al parcheggio privato davanti ai condomini, dove parte la mulattiera della Strada dei cannoni, non segnalata. La strada è così chiamata perché veniva spesso utilizzata per il trasporto dei pezzi di artiglieria alle varie batterie e cannoniere, poste sul costone della montagna. 

Fenestrelle

Si prosegue nella bella e luminosa pineta, talvolta attraversata da camosci, fino ad incrociare una carrareccia laterale che scende a Puy. La si tralascia per continuare a destra e raggiungere la carrozzabile proveniente da Depot. 

Sulla destra si prende la mulattiera che in breve conduce al ponte levatoio del forte delle Valli, da cui si può ammirare il grandioso panorama con l’Albergian in primo piano. Ritornati sulla strada carrozzabile e in falso piano si raggiunge il villaggio di Pequerel.

Pequerel

Una volta visitato il villaggio, in parte diroccato ma dove alcune baite sono state elegantemente ristrutturate, si prende il sentiero 335b che conduce prima a una panchina panoramica e poi scende su mulattiera fino alla strada statale di Fenestrelle, che si percorre a sinistra per 500 m circa per raggiungere il parcheggio.

Forte San Carlo

Forte San Carlo.

Forte delle Valli

Forte delle Valli.

Condividi questa pagina