Quando finisce l'inverno fiorisce il salicone

Vi sarà già sicuramente capitato, passeggiando nei boschi in questa stagione, di notare una pianta dalla chioma slanciata e dai piccoli fiori gialli; si tratta di un salicone (sopra al titolo in una bella immagine di Iris Cesare scattata in Valle di Susa), una specie vegetale appartenente alla famiglia delle Salicaceae, la cui fioritura è precoce ed inizia a metà febbraio.

Anche chiamato Salix Caprea (nome evidentemente connesso all’appetibilità della pianta per le capre), è diffuso nei boschi umidi delle Alpi e nelle zone collinari e montane fino a 1800 metri di altitudine; abita normalmente suoli freschi e argillosi, ma si adatta comunque a quelli più aridi. Si può trovare anche in pianura, in luoghi soleggiati o in zone di penombra.  

salicone

Cresce rapidamente, fino a raggiungere in alcuni casi i 15 metri di altezza; le sue foglie sono ovoidali con margini poco seghettati, di colore verde chiaro superiormente e bianco-grigiastro, per la fine peluria, inferiormente. I suoi fiori si riuniscono in amenti (infiorescenze con asse allungato) eretti: quelli maschili più grandi e vistosi, di colore giallo-oro, e quelli femminili, meno appariscenti e di colore verdastro. I suoi frutti si presentano come capsule peduncolate (dotate di un piccolo ramo), allungate e pubescenti; i semi sono provvisti di lunghe setole cotonose, adatte alla disseminazione attraverso il vento.

Salicone

La fioritura del salicone (Iris Cesare)

 

Molto utilizzato negli interventi di rinaturazione ambientale, il salicone è una pianta pioniera: lo si trova spesso  a bonificare frane, a rimboschire scarpate e a consolidare terreni di recente formazione. Il suo legno, tenero ed elastico, veniva un tempo utilizzato per creare mollette e manici per attrezzi agricoli ed i suoi rami flessibili consentivano di creare facilmente dei cesti.

SCOPRI DI PIÙ: Fiori e piante della Valle di Susa

Come per gli altri salici, la sua corteccia contiene salicina, una sostanza ad azione antireumatica, antipiretica e astringente; veniva usata in passato per calmare la febbre e le malattie dovute all’umidità. La sua fioritura è inoltre preziosa per le api, che visitano volentieri il salicone per riacquistare vitalità dopo l’inverno.

Condividi questa pagina