Un nuovo sito per la Distilleria Erboristica Alpina: le essenze del territorio sono sul web

Da oltre 40 anni la Distilleria erboristica alpina di Susa, in località Traduerivi, fa girare la testa. L'interpretazione della frase è duplice: da un lato spiega come il grande cartello esterno in legno che promuove l'azienda faccia voltare il capo incuriosito a chi transita sulla strada; dall'altro va presa alla lettera perché, se si eccede nel consumo della produzione segusina, può capitare che la stabilità venga meno.

Dealp

Già perchè, al suo interno, fin dal 1977 vengono prodotti liquori tipici delle nostre montagne, ad alta gradazione alcolica. E proprio le montagne sono protagoniste ogni qual volta si stappa una delle sue bottiglie: l'olfatto viene stuzzicato dalle note delle erbe alpine che, dopo una lunga infusione nella soluzione idroalcolica all'interno dei fusti di acciaio, vengono distillate per regalare al consumatore una vera e propria parentesi di piacere.

In questi giorni la Distilleria Erboristica Alpina ha messo online il suo nuovo sito, www.distilleriaalpina.it, con l’obiettivo di mettere ordine nella sua ricca e prestigiosa produzione. “Avevamo bisogno di fare un po’ di chiarezza – ci spiegano i due soci, Maurizio Zara ed Alberto Fissore. – C’è chi ci conosce per i nostri marchi, Granger, Chaberton e Grappa del Nonno su tutti, chi ci individua con il nostro acronimo Dealp, chi, sbagliando, pensa che siamo solo dei rivenditori. Con questo sito vogliamo invece spiegare che i liquori sono tutti di nostra produzione, che spesso e volentieri utilizziamo le erbe del nostro territorio e che siamo orgogliosi del nostro profondo legame con il Piemonte ed in particolare con la Valle di Susa”.

Granger Genepi

Il sito ci consente così di orientarci tra i prestigiosi marchi della Distilleria: Granger Genepy Nature, Grappa del nonno, Gianduiotto, Turin Chocolat, Chaberton ed S.S. 24.

I numerosi prodotti possono però essere raggiunti anche per tipologia, navigando nelle diverse categorie: Genepy e liquori di Montagna, Grappe Monovitigno e Barricate, Liquori Golosi e Liquori della Tradizione, oppure utilizzando la funzione “cerca” e digitando il nome del prodotto desiderato. Completano il sito le consuete informazioni di contatto e le news aziendali.

La produzione della Distilleria Erboristica Alpina è ricca e variegata, destinata sia agli appassionati di liquore che agli amanti delle bevande più golose. Avete presente quelle splendide bottiglie in vetro che raffigurano la Mole Antonelliana e custodiscono un cuore di liquore al cioccolato? Sono marchiate Turin Chocolat ma nascono qui, nella città di Cozio, e percorrono poi in lungo ed in largo la nostra penisola, valicando le nostre montagne per superare i confini nazionali e spingersi oltreoceano.

Genepy

Ma il cavallo di battaglia della distilleria sono i liquori del territorio, in primo luogo il Genepy, che da secoli fa parte della tradizione popolare.

LEGGI ANCHE: Alla scoperta della pianta del Genepy, il liquore tipico delle nostre montagne

Liquori dolci e della tradizione, gin, bitter, grappe ed amari completano l’offerta della distilleria, che con i marchi Chaberton ed S.S.24 ha dedicato una parte della sua produzione ad una delle montagne simbiolo della Valle di Susa e alla strada statale su cui si affaccia l'azienda, che collega Torino e le montagne.

Le grappe, invece, sono ottenute dalla distillazione di vinacce piemontesi pregiate che vengono invecchiate in rovere e affinate in Barrique. Ma è impossibile descrivere tutti i loro prodotti, vi consigliamo di scoprirli visitando il loro nuovo sito.

Botti

Aggiungiamo solamente che il Genepy Granger è inserito nel paniere dei prodotti tipici della Provincia di Torino, e che nel corso degli anni la distilleria ha collezionato una serie di riconoscimenti anche nell'ambito della rassegna mondiale Spirit Selection di Bruxelles.

Ha infatti conquistato l'argento nel 2014 con l'Amaro di Erbe S.S. 24 e l'oro nel 2016 con l'Amaro Barrique 2.0, riconoscimento ripetuto lo scorso anno con il Gin S.S.24.

E, soltanto pochi giorni fa, dopo aver ottenuto ad agosto il riconoscimento “Winehunter” per l’Amaro S.S.24, la Distilleria ha preso parte al Merano Wine Festival, confermando ancora una volta che lo "spirito" è davvero quello giusto.

Condividi questa pagina