I lavori nell’orto ad aprile: tempo di semine e trapianti

Aprile dolce dormire, recita il detto. Non nell’orto. Nell’orto aprile è un turbinio di attività. La primavera finalmente è arrivata davvero e ci sono un sacco di cose da fare!

Innanzi tutto possiamo ancora raccogliere qualcosa di ciò che avevamo seminato l’anno scorso: bietole da costa, cavoli, spinaci, porri. Per non parlare degli asparagi che, ora che le giornate cominciano a scaldarsi, emergono dal terreno. Vanno raccolti ogni due o tre giorni, recidendoli in profondità.

Anche le erbe aromatiche cominciano a vegetare. Una frittata con la menta appena raccolta per me è il gusto della primavera.

LEGGI ANCHE: A caccia di erbe spontanee: la frittata con il "luvertin" o con le ortiche

Per quanto riguarda le semine, verso fine mese, al riparo da possibili colpi di coda dell’inverno, si seminano direttamente a dimora fagioli, fagiolini, zucchini, cardi, ravanelli, cicorie, zucche e meloni. E non dimentichiamoci delle patate. Soprattutto in montagna, aprile è il loro mese.

In semenzaio, invece, cetriolo, anguria, indivia.

Lavori dell'orto

È anche il momento di trapiantare alcuni degli ortaggi che avevamo seminato in semenzaio in precedenza: cavoli precoci, sedani, lattughe, cipolle da seme, cicorie a palla, porri e, dalla seconda metà del mese, le solanacee quali pomodori, peperoni e melanzane.

E fuori dall’orto? Anche il prato dà da mangiare ad aprile. Molte sono le “erbacce” che trovano il loro posto in cucina. Le foglie e i fiori del tarassaco, i giovani getti del luppolo, le ortiche, i fiori di viole e pratoline sono solo alcuni esempi per insaporire e colorare i nostri piatti.

LEGGI ANCHE: Il tarassaco (girasole dei prati), dalle insalate primaverili ai “soffioni” estivi


Quelle riportate solo indicazioni di massima. L’estrema differenza climatica tra nord e sud Italia, i microclimi presenti nelle varie regioni e, non ultimo, il cambiamento climatico in corso impediscono di stilare un elenco di lavori definitivo e valido per tutti. La regola numero uno è sempre osservare ciò che abbiamo attorno.

Su questo argomento Simone Siviero ha scritto il libro L’orto da zero, Introduzione all’orticoltura naturale per principianti di buona volontà, Pentagora 2021.

Altre informazioni sul sito "Storie in Spalla"

Condividi questa pagina