Linda Raimondo, la ragazza "spaziale" che da Almese va in Tv e sogna la luna

Almesina classe 1999, Linda Raimondo ha soltanto 21 anni ma un carnet ricco di esperienze e un futuro pieno di aspettative. Studentessa di fisica all'Università di Torino, fin dall'infanzia ha sempre avuto un pensiero fisso: l'astronomia.

Mentre i coetanei si dedicavano alle "cose da ragazzi", lei a 12 anni si intratteneva con Margherita Hack. "Frequentavo le medie ed era il momento in cui i miei compagni scoprivano Facebook. Io, invece, preferivo usare Skype per le videochiamate. Così, quasi per scherzo, un giorno cercai il profilo di Margherita Hack su Skype. Con quella che oggi riconosco essere una certa dose di incoscienza, avviai una videochiamata". Dopo qualche squillo, sullo schermo del pc di Linda improvvisamente comparve una chioma di capelli bianchi.

"Non sapevo cosa fare, ero quasi tentata di riagganciare, ma quando mai mi sarebbe ricapitata l'occasione? Presi coraggio e la salutai, dicendole che da grande avrei voluto essere come lei. Margherita sistemò la web cam, mi chiese di parlare più forte perchè era anziana e non sentiva bene e poi, alla mia richiesta di illustrarmi la meccanica quantistica, si produsse in una spiegazione con parole semplici, comprensibile anche da un'adolescente".

Fu l'inizio di un'amicizia e di un rapporto speciale. "Nel giro di un anno ci siamo sentite altre tre volte. Le avevo detto di aver preparato per l'esame di terza media una tesina intitolata "Vi racconto l'astronomia", proprio come il suo libro, ma non ci fu l'occasione di raccontarle il risultato. Morì nel 2013, tre giorni prima dell'uscita dei tabelloni con i voti".

Linda Raimondo

Quello fu il primo incontro importante di Linda, ma non l'unico. "Nell'aprile 2012, mentre leggevo "Focus Junior", decisi di partecipare alla possibilità che la rivista offriva di intervistare il proprio idolo. Tutti chiedevano di incontrare personaggi dello spettacolo, cantanti, attori, ballerini, calciatori. Io chiesi di intervistare Samanta Cristoforetti, che non era ancora famosa come oggi. Mesi dopo, tornando da scuola, vidi mia madre sul balcone che si sbracciava nella mia direzione. L'avevano chiamata dalla redazione del giornale, e due giorni dopo sarei dovuta essere a Milano ad intervistare Samanta. La incontrai il 31 ottobre, che emozione".

Intraprendente, Linda lo è sempre stata. A 16 anni, studentessa del liceo Norberto Rosa, figurava come organizzatrice di un ciclo di conferenze sullo spazio con l’astronauta Maurizio Cheli. Fu sua l'idea, a fine 2017, di promuovere una raccolta fondi sul web per il lancio di una sonda spaziale, presentata ufficialmente all’ASI (Agenzia spaziale italiana). Questo progetto la condusse con il suo team alla vittoria del concorso nazionale e, in seguito, a Tolosa, a disputare le finali di un concorso per studenti, da cui tornò a casa con in premio un telescopio ribattezzato "Steve".

Sempre nel 2017, Linda arrivò in finale al concorso Odysseus space contest dell’Esa (Agenzia Spaziale Europea) con il progetto di una base su Marte. L'anno prima, Linda aveva trascorso 6 mesi in America nell'ambito di un programma di studio all'estero, ufficialmente per imparare meglio l'inglese ma soprattutto per visitare la Nasa, in Florida.

A ruota libera

Domenica 8 marzo, in occasione della Giornata internazionale della Donna, Linda è stata ospite di “Da Noi… A Ruota Libera” di Francesca Fialdini (Rai Uno)

 

Nel 2018, fresca di maturità liceale, insieme a Mattia Barbarossa, uno studente napoletano conosciuto sul web, prese parte al concorso internazionale Space Exploration Master dell'ESA. Grazie al progetto di un adattatore universale da applicare alla Dream Chaser, la navicella che rifornisce la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), Linda e Mattia ottennero la vittoria. In palio, la cerimonia di premiazione a Bilbao e una settimana ad Alabama a visitare il Marshall Space Flight Center della NASA. Con l'aggiunta di un master che, quanto prima, consentirà loro di lavorare per sviluppare il progetto.

Inserita da L’Espresso tra i 30 ragazzi da seguire nel 2019 e relatrice, nel novembre dello stesso anno, dei Visionari Days alle Ogr di Torino, nel settembre 2018, in occasione della prima edizione del Geospace Astronaut Training, Linda è volata in Islanda a rappresentare l'Italia nel team di sole donne che per 5 giorni si è addestrato come l'equipaggio dell'Apollo 11.

Con il sorriso cordiale e gli occhi luminosi, Linda va ben oltre l'immagine stereotipata della bella ragazza: al fascino affianca cultura e competenza, tanto da essere stata prescelta dalla Rai quale testimonial della divulgazione scientifica per ragazzi.

Da gennaio 2019 ha condotto infatti Missione Spazio su Rai Gulp, che si occupa di far conoscere alle nuove generazioni la realtà infinita del cosmo, trasmissione che lei stessa seguiva nell'adolescenza. Questo progetto si è poi evoluto, da gennaio 2020, nella conduzione di Space To Ground su Rai Play.

Space to ground

"Space to ground": Linda in collegamento da Marte...

 

Tra le stelle e un po' più in là

Il 10 marzo scorso, proprio alla vigilia del lockdown per la pandemia di Coronavirus, è uscito in tutte le librerie "Tra le stelle e un po' più in là", un libro scritto da Linda per Mondadori.

"Non riesco ancora a credercici dice – Quello di scrivere un libro era uno di quei sogni nel cassetto che non avrei mai creduto possibili da realizzare".
"Tra le stelle e un po' più in là" è la mia storia, quella dei miei successi e dei miei fallimenti, delle mie cadute e dei miei piccoli traguardi. Soprattutto, il libro racconta i miei sogni, quelli che da 20 anni mi fanno alzare dal letto la mattina e mi incentivano ad essere ogni giorno la versione migliore di me stessa".

Il suo progetto più recente è invece un podcast, "Osa esplorare - Ex astris, scientia", che ha l'obiettivo di tenerci compagnia in queste giornate difficili. Si parlerà di esplorazione, e non solo di quella scientifica e spaziale, con interviste a scienziati e ricercatori, ma anche a volti noti in campi come la letteratura, il giornalismo e lo spettacolo.

Il libro di Linda Raimondo

Tra le stelle e un po' più in là

 

Fin da bambina, Linda è sempre rimasta affascinata alzando gli occhi al cielo. Chissà, forse a darle questa spinta furono i racconti del papà, impiegato con la passione dell'astronomia, che la ammaliava con la storia dell'allunaggio del 1969 ed a cui Linda chiese, con l'ingenuità dei suoi 4 anni, di essere condotta sulla luna.

Una passione che lei è intenzionata a coltivare, benchè ancora non riesca ad immaginare il futuro post laurea. "Sto cercando di diventare sempre più esperta nel campo della divulgazione scientifica, prendendo esempio da nomi come Piero e Alberto Angela. La divulgazione va di pari passo con la ricerca, io voglio imparare sempre di più. Non so se avrò un futuro da ricercatrice, magari mi butterò sull'ingegneria, non ci ho ancora pensato".

LEGGI ANCHE: 20 luglio 1969: 50 anni fa il mondo si fermò per seguire lo sbarco sulla Luna

Il suo sogno è sempre quello di diventare astronauta, anche se la selezione dell'Esa è ferma dal 2009. "Se anche mi laureassi nel 2024 non potrei partecipare, servirebbero tre anni di esperienza. A meno che la prossima selezione non avvenga più tardi. Chissà...".

Abituata a soprenderci, per adesso Linda si accontenta di far tesoro di quel che possiede, imparare sempre più (parla inglese ma studia anche russo e spagnolo) e documentare fotograficamente le numerose esperienze che la vedono protagonista. Su Facebook, Linkedin, Instagram (astro_linda), senza dimenticare numerose riviste e quotidiani, Linda è presente un po' ovunque.

A corredo di uno scatto del gennaio 2019, che la ritrae entusiasta all'ingresso di un centro Esa in Olanda, scrive su Instagram: "Oggi più che mai, l'unica cosa che mi sento di dire è non smettete mai di sognare, perchè sono i sogni che sorreggono e fanno andare avanti il mondo". Non lo canta solo Ligabue, ce lo dice anche lei, la sorridente aspirante astronauta nostrana.

Condividi questa pagina