Cultura, Eventi

La Valle di Susa è stata testimone di importanti momenti storici e custode di un immenso patrimonio di arte e cultura il quale, insieme alle bellezze naturali, ha dato vita a un territorio unico nel suo genere, che oggi si offre al turismo in modo sempre più organizzato

La storia dell’uomo, che fin dal Neolitico ha popolato la Valle, è rispecchiata nella varietà delle presenze storiche, archeologiche e artistiche, inserite in un contesto ambientale di grande suggestione.

La vocazione turistica valsusina si basa dunque, oltre che sulle bellezze naturali, anche sul suo variegato mosaico di testimonianze storico-artistiche e sulle numerose sagre, rievocazioni, eventi organizzati da un territorio che sempre più si trasforma in un “museo diffuso”.

Le testimonianze storiche sottolineano la straordinaria peculiarità della Valle di Susa, individuabile nell’avere conservato attraverso i secoli le tracce significative dei vari periodi legati alla storia dell’uomo, a partire dalle età preistoriche fino ai tempi moderni, in un susseguirsi di civiltà e culture. L’archeologia, il patrimonio di arte sacra, le abbazie, i cicli affrescati e le tante parrocchiali romanico-delfinali costituiscono esempi importanti di tale percorso culturale.

Sacra di San Michele

La Valle di Susa, inoltre, ha rivestito un’importanza strategica fondamentale e questo spiega la diffusa presenza di strutture militari sul territorio. In un ambito territoriale sostanzialmente omogeneo si può osservare una stratificazione storica di opere di architettura militare che va dal Medioevo sino alla seconda guerra mondiale, con interventi di pregio sia nel campo architettonico sia in quello della strategia militare.

La cultura materiale, infine, racconta la storia degli uomini e delle donne che hanno abitato e abitano la Valle, lavorando e interagendo con la montagna, creando possibilità di vita nella terra del fondovalle e nei duri e ripidi pendii dei monti. Borgate alpine ancora intatte, con le caratteristiche fontane, il forno comune, le case civili di lose, legno e pietra punteggiano il territorio. La ricchezza della presenza umana in quest’area è anche testimoniata dal molteplice patrimonio linguistico che, dall’occitano al franco-provenzale, rivela forti influenze transalpine.

Sbandieratori ad Avigliana

Info: “Valle di Susa. Itinerari di Cultura e Natura Alpina”, AA.VV., edizione a cura di “Valle di Susa, Tesori di Arte e Cultura Alpina”, www.vallesusa-tesori.it