Avigliana

Uno dei borghi più autentici del Piemonte, un vero e proprio gioiello medievale. Situato alle porte della Valle di Susa, tra il monte Pirchiriano (dominato dalla Sacra di San Michele) e la collina di Rivoli, è il comune più popolato ed economicamente importante di tutta la Valle.

Sotto lo sguardo attento dei resti del castello Arduinico dell’XI secolo sorgono splendidi edifici di epoca medievale. Nei pressi di Piazza Conte Rosso, si snodano per tutte le vie del Borgo vecchio, testimoni di un’architettura che si è mantenuta nei secoli: casa Senore, casa di Porta ferrata, casa del Beato Umberto, Chiesa di San Pietro (che presenta straordinari affreschi), Chiesa di San Giovanni (con significative pale d’altare), Chiesa di Santa Maria, Torre dell’Orologio. Sulla via dei laghi giace poi il Santuario della Madonna dei Laghi, un suggestivo luogo di culto mariano edificato dalle stesse maestranze che operarono anche al Monte dei Cappuccini di Torino.

Tanto ricco dal punto di vista artistico e storico, quanto da quello naturalistico: ospita infatti il Parco dei Laghi di Avigliana. Comprende la zona umida dei Mareschi, i due bacini lacustri (Lago Grande e Lago Piccolo) e la zona collinare. Centinaia di volatili di varie specie (moriglioni, morette, alzavole, fischioni, gallinelle d’acqua, mestoloni) si  concentrano sui laghi, in particolar modo nel periodo autunnale ed invernale.

Sempre ad Avigliana è presente anche il Museo del Dinamitificio Nobel, il primo impianto realizzato in italia per la fabbricazione della dinamite, trasformato nel dopoguerra in una fabbrica di vernici.

Scopri di più

Il Castello di Avigliana

Chiesa di San Giovanni

Chiesa di Santa Maria Maggiore

Chiesa di San Pietro

Santuario di Santa Maria dei Laghi

Il Parco dei Laghi di Avigliana

Museo del Dinamitificio Nobel

Monte Cuneo

Avigliana al Castello del Valentino

Nicolas Catinat, il generale francese che distrusse il Castello di Avigliana

Le aziende

LaVal: birra e Birrificio

Certosa 1515: luogo di sosta e di pensiero

Centro Studi "Roberto Goitre"

Piero Della Betta, ceramiche d'arte

 

Condividi questa pagina