Sauze d'Oulx

Situato sulle pendici occidentali del monte Genevris, Sauze d'Oulx è un comune dell'alta Valle di Susa; si compone di un borgo vecchio e di una parte nuova con alberghi e ville. Già abitato in età preromana, fu attraversato nei secoli da Goti, Longobardi, Burgundi e Saraceni; di antica origine è anche la sua denominazione, che deriva dall'indoeuropeo Sauza (luogo roccioso).

Aggregato ad Oulx durante il fascismo, assunse il nome di "Salice"; ridiventò un comune autonomo nel 1947. La sua economia è oggi fortemente legata al turismo invernale: all'inizio del '900 proprio sulle montagne di Sauze d'Oulx Adolfo Kind introdusse lo sci in Italia. Rappresenta attualmente una delle stazioni sciistiche più conosciute del comprensorio Vialattea, con 400 km di piste e più di 70 impianti di risalita: ospitò durante i giochi olimpici invernali del 2006 le gare di freestyle. 

Frequentato anche in estate, è punto di partenza per centinaia di chilometri di sentieri a disposizione degli amanti della natura. Di notevole importanza artistica è la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista, edificata nel XVI secolo. Al suo interno conserva una vasca battesimale in pietra verde (che reca scolpito lo stemma dei Delfini di Francia) e un'ancona lignea settecentesca della scuola di Melezet; sul campanile si erge inoltre un'elevatissima cuspide centrale a sezione ottagonale.

Condividi questa pagina