"Via col Vino", settimana 3: si fa tappa in Franconia



Sunday, March 25, 2018 - 22:30

di Elena Amprimo e Fulvio De Marchi

Primo imprevisto sul percorso: avremmo voluto fare visita ad un paio di produttori nella valle della Mosella ma, purtroppo, erano a Duesseldorf per la fiera Prowein, il corrispondente tedesco del nostro Vinitaly di Verona. 

Senza perderci d’animo e su consiglio del nostro grande amico vignaiolo calabrese Dino Briglio abbiamo ripiegato sulla Franconia, storica regione vinicola della Germania centrale, dove le vigne, prevalentemente a terrazze, si affacciano sul fiume Meno. I due vignaioli che abbiamo conosciuto, Stefan Vetter e Michael Voelker, concentrano il loro lavoro sui vitigni tradizionali: Sylvaner, Riesling, Müller Thurgau, Bacchus, Pinot Grigio, Pinot Nero. 

I vini di Stefan Vetter arrivano da piccoli vigneti terrazzati, biodinamici da sempre, caratterizzati da suoli con prevalenza di sabbia o di limo, e lui si impegna a far risaltare queste differenze di terreno nel bicchiere. Stefan vinifica le sue uve in modo da ottenere vini con le caratteristiche classiche della Franconia. Al naso esprimono profumi freschi e floreali, ma non stucchevoli; l’acidità li rende tesi e puliti in bocca, con un finale limonino. Non ti stancheresti mai di berli! Anche Wolfgang Goethe, come noi, ne era innamorato… Non manca, tuttavia, un po’ di sperimentazione sull’affinamento: Stefan ha da poco introdotto nella sua cantina un’anfora in cui, al momento, c’è del pinot grigio… chissà come verrà?!

Su consiglio di Stefan Vetter, abbiamo contattato Michael Voelker, della cantina 2Naturkinder a Kitzingen. Michael, dopo aver scoperto a Londra il mondo dei vini naturali, ha completamente trasformato l'azienda vinicola di famiglia con l’aiuto della compagna Melanie. Le parole d'ordine ora sono "Nothing added, nothing taken away" e nella vigna il lavoro più grosso sul terreno è svolto dalle sue pecore nere... Voelker ci ha mostrato quanto sia difficile recuperare una vigna che è stata trattata con il glifosato. Il diserbo, oltre ad eliminare la varietà di erbe che possono convivere senza problemi con le viti, fa sì che sul terreno cresca solo il  muschio e, nelle vigne con forte pendenza (così come tutte quelle di Michael), l'assenza di piante con radici tra i filari comporta lo sgretolamento del suolo. 

La vinificazione di 2Naturkinder è prevalentemente sperimentale e in stile moderno (lunghe macerazioni sulle bucce per ottenere un “orange wine”, diverse tipologie di rifermentati in bottiglia o “PetNat”), ma nella sua gamma non manca qualche vino dalle caratteristiche più tradizionali. Tutti i suoi vini sono “zero solfiti”, ma anche zero difetti, al naso e in bocca. 

Con la deviazione in Franconia si conclude la nostra tappa tedesca e, come le cicogne che vediamo su qualche tetto al confine tra Francia e Germania, migriamo verso l’Alsazia, domaine Christian Binner, ad Ammerschwihr.

Alla prossima puntata! 

Stefan Vetter

L'anfora per l'affinamento

Michael Voelker (2Naturkinder)

Erosione del terreno 

Pecore al lavoro per la pulizia della vigna

TORNA SU