A febbraio il bando PSR per le foreste e i prodotti forestali



Wednesday, January 17, 2018 - 17:00

L'operazione sostiene investimenti intesi a incrementare il potenziale forestale o ad accrescere il valore aggiunto dei prodotti forestali attraverso l'ammodernamento del parco macchine ed attrezzature, l'adozione di sistemi di certificazione di gestione forestale sostenibile e di tracciabilitàˆ dei prodotti della selvicoltura, l’adozione di tecnologie e processi, anche innovativi, per la meccanizzazione di fasi di lavorazione e l'ottimizzazione o riduzione dei consumi energetici.

Gli interventi previsti dalla presente operazione potranno essere attivati singolarmente e/o in modo combinato in progetti specifici multimisura e/o multifondo a più alto valore aggiunto, secondo un approccio territoriale, settoriale o per aree tematiche. Le domande di aiuto possono essere presentate per via telematica a partire dalle ore 12:00 del 5/02/2018 ed obbligatoriamente entro le ore 12:00 del 02/04/2018.

Beneficiari

  • Selvicoltori privati e pubblici e altri enti di diritto privato o pubblico, singoli o associati.

  • PMI che operano nel settore forestale e che risultano regolarmente iscritte all’Albo delle imprese forestali del Piemonte.

Le imprese devono avere la visura camerale con riportato il codice Ateco 02.10 e/o 02.20. Sono esclusi enti pubblici e loro associazioni.

Tipo di sostegno

  • Contributo in conto capitale, contributo in conto interessi o accesso a fondo di rotazione destinato a coprire il 40% della spesa massima ammissibile sostenuta per la realizzazione degli investimenti previsti.

Costi ammissibili

Sono ammesse spese per i seguenti investimenti:

  • acquisto di macchine e attrezzature destinate ad operazioni di abbattimento, allestimento, concentramento, esbosco, cippatura, caricamento, movimentazione e trasporto in bosco dei prodotti legnosi forestali e dell'arboricoltura da legno, inclusa la realizzazione della viabilitàˆ forestale eventualmente necessaria;

  • acquisto di rimorchi specializzati o di container scarrabili per il trasporto del cippato;

  • acquisto di macchine, attrezzature e impianti per la classificazione dei prodotti forestali;

  • acquisti di macchine e attrezzature mobili destinate allo svolgimento delle prime lavorazioni del legno: piccoli impianti mobili di segagione e macchine per la preparazione della legna da ardere;

  • realizzazione di interventi selvicolturali purchèŽ realizzate una sola volta durante il periodo di validitàˆ del programma o del piano di gestione;

  • rimboschimenti o rinfoltimenti utilizzando specie autoctone adatte alla stazione;

  • elaborazione di piani di gestione forestale o di strumenti equivalenti;

  • spese generali e per consulenza tecnica da parte di tecnici abilitati necessarie per la realizzazione degli investimenti.

Condizioni di ammissibilitàˆ

Sono ammessi gli investimenti che interessano la fase di prima trasformazione per la produzione di semilavorati, precedente la fase di trasformazione industriale; non quelli che interessano la fase di trasformazione industriale per la produzione di prodotti finiti a partire da semilavorati. Le macchine, attrezzature e procedimenti di raccolta devono essere rispettosi del suolo e delle risorse forestali. Sono escluse dal sostegno le imprese che lavorano un volume di legname tondo superiore a 10.000 m3 all'anno. Occorre raggiungere un punteggio non inferiore a 25 punti, calcolati secondo i criteri di selezione definiti nel Bando.

Non sono ammissibili al sostegno costi di manutenzione, esercizio e funzionamento; costi per la realizzazione di strade o piste forestali a servizio di pi soggetti; costi per la realizzazione di rimboschimenti costituenti la normale rinnovazione dei popolamenti utilizzati e rimboschimenti o rinfoltimenti con specie non autoctone, aliene o inadatte; costi amministrativi di certificazione di gestione forestale sostenibile o di altri regimi di certificazione basati sul mercato; costi per l'acquisto di beni non durevoli o non ammortizzabili. Nella domanda di sostegno i richiedenti dovranno fornire elementi informativi atti a dimostrare che gli investimenti previsti determinano un aumento del potenziale economico delle foreste, stabilito sulla base dei volumi di legname raccolto.

Risorse

L’importo complessivo dei fondi è di 5 milioni di euro. La spesa massima ammissibile per domanda è di 800.000 €; non sono ammesse domande con spesa minima concessa inferiore a 50.000 €. Il rapporto tra l’importo totale degli investimenti previsti in domanda e il fatturato medio degli ultimi 3 anni (2015, 2016 e 2017) deve essere inferiore o uguale a 7. 

Per maggiori informazioni consultate il sito della Regione Piemonte: https://goo.gl/F5mn1r

TORNA SU