Produzione, Tecnologia

Gli artigiani 2.0 utilizzano il web e le nuove tecnologie per affrontare nuovi mercati e per inserire anche in ambiti tradizionali prodotti innovativi per stile, design o funzionalità

Solitamente si pensa all’artigiano come ad una figura solitaria e indipendente, che lavora duramente nella penombra della sua piccola bottega dove realizza oggetti grazie alle sue abilità manuali. Negli ultimi anni però anche gli artigiani si sono avvicinati al mondo digitale, da una parte utilizzando sempre di più l’innovazione e il web, anche in collaborazione con strutture universitarie ed incubatori di impresa, ed affrontando nuovi mercati: il risparmio energetico, la progettazione web, le stampanti 3D…

Dall’altra mescolando i valori tipici del lavoro di bottega (come la manualità, la creatività e la conoscenza di tecniche e materiali) al web 2.0, un ambiente fertile per la circolazione di idee poiché costituito dall’infinita rete di connessioni. Nascono così, anche in ambiti di lavoro tradizionali, prodotti innovativi per stile, design o funzionalità, e nuovi artigiani digitali, che sanno riportare il lavoro manuale e creativo all’attenzione del grande pubblico, che sempre più spesso preferisce acquistare prodotti fatti a mano perché unici e personali (spesso anche personalizzati), e cerca proprio sul web una risposta alla monotonia dei prodotti industriali.

Assemblaggio di un prototipo