Forte Bramafam

Gli interventi fortificatori di fine ottocento, attuati nel periodo della Triplice Alleanza, sono opere di particolare pregio nel campo architettonico e presentano un impatto minimo sull'ambiente circostante, dando vita ad una stretta simbiosi tra edificazione e siti naturali.

Molto interessante è il recupero del Forte Bramafam di Bardonecchia. Edificato tra il 1886 e il 1895 per proteggere lo sbocco della galleria del Frejus contro possibili attacchi da parte dei Francesi, il forte sorse sul sito in passato occupato dal castello delfinale, noto fin dalla metà del Trecento e demolito nel 1574. Dapprima furono edificate delle batterie in barbetta, quindi un vero e proprio forte, che ospitava una guarnigione di circa duecento uomini ed era dotato di apparati tecnologici considerati all’avanguardia per l’epoca: fu infatti il primo forte ad essere dotato di installazioni a pozzo, con una casamatta metallica che era sollevata solo all’atto del tiro, per poi venire occultata.

Occupato dalle truppe tedesche dopo l’8 settembre 1943, il forte fu parzialmente demolito a seguito del trattato di pace con la Francia del 1947. Nel secondo dopoguerra la struttura cadde in completa decadenza, subendo devastazioni e l’asportazione dei materiali più pregiati.

Affidato nel 1995 all’Associazione Studi di Storia e Architettura Militare, il complesso è stato completamente recuperato e adibito a esposizione museale grazie a decine di migliaia di ore ore di lavoro volontario. Attualmente il percorso espositivo comprende la visita a trentotto sale, con 160 manichini vestiti con uniformi originali, 80 cannoni, 60 mitragliatrici e oltre 2000 reperti di vita militare.

Aperture: tutte le domeniche di giugno, i sabati e le domeniche di luglio, dall'1 al 31 agosto, tutte le domeniche di settembre e ottobre (orari di apertura: 10.00 - 18.30, ultimo ingresso ore 17.00). Ad agosto, il sabato e la domenica alle ore 11.00 e alle ore 16.00, visite guidate su prenotazione. 

Informazioni: tel. 339/2227228 - www.fortebramafam.it - info@fortebramafam.it

Scopri di più

Museo del Forte Bramafam: "In volo sui forti della Triplice. Com’erano, cosa è rimasto"

Condividi questa pagina