Giaglione

Situato lungo la strada che porta al colle del Moncenisio e a soli 6 chilometri da Susa, Giaglione (Giajon in piemontese) è un piccolo comune dell'alta Valle di Susa. Data la sua posizione dominante sul territorio circostante, potrebbe essere stato la Signoria di ricche famiglie che risiedevano nei castelli fortificati della zona; tra queste anche il prestigioso casato degli Aschieri (uno dei membri era Vincenzo, abate della Novalesa). 

Dalla parrocchiale di San Vincenzo è possibile ammirare un panorama mozzafiato; a nord su tutta la Val Cenischia ed il Rocciamelone, a est sulla Valle di Susa fino a Torino e al Colle della Maddalena, a sud sulla catena dell'Orsiera-Rocciavrè e Gravere. L'edificio, documentato dal 1065, presenta al suo interno affreschi e retable lignei; la prima cappella a destra ospita inoltre la preziosa statua di San Vincenzo, opera di Jean Clappier di Bessans, databile al 1640-1650. 

Di notevole importanza storica ed artistica sono anche la cappella di Santo Stefano (nell'omonima frazione), il cui esterno è decorato da un ciclo di affreschi raffigurante la Cavalcata dei Vizi e delle Virtù ed il Museo Diocesano di Arte Sacra, che conserva reperti della tradizione scultorea lignea a cavallo tra Valle di Susa e Maurienne. 

Dopo aver vissuto per molti anni dei frutti dell'agricoltura montana, ultimamente Giaglione ha scoperto una vocazione turistica. Ospita anche, ogni anno, la tradizionale e folkloristica Danza degli Spadonari

 

Per maggiori informazioni: Itinerari di Cultura e Natura Alpina - Valle di Susa (ottobre 2010)

Condividi questa pagina