La tradizionale "Puento" di Chiomonte: danze e angioletti in onore di San Sebastiano

Il 20 gennaio di ogni anno, a Chiomonte, Priori e Priore in abiti d'epoca sfilano per il paese ballando e portando la "Puento" in onore di San Sebastiano. La tradizione, sospesa quest'anno a causa del Covid, è antichissima: si pensa risalga al 1629-30, periodo in cui il paese di Chiomonte venne colpito da una forte epidemia di peste; iniziò dunque la venerazione di San Sebastiano (cavaliere romano martirizzato a Roma nel 288 d.C.) considerato il Protettore contro la terribile malattia. La "Puento" (Punta), originariamente costituita da un albero di conifera impreziosito da nastri, rappresenterebbe proprio l'albero a cui il Santo venne legato. 

Nei secoli modificata ed alleggerita, l'attuale Puento è a forma di fuso con un'intelaiatura di metallo, montata su un sostegno che termina con quattro bracci. Mantiene comunque la sua fodera guarnita dai nastri forniti dagli abitanti del paese, in segno del legame tra le famiglie ed il Santo. Avvolta da una larga fascia bianca, riporta la scritta "W.S. Sebastiano" e lo stemma di Chiomonte. 

La tradizionale Festa di San Sebastiano

Ruolo fondamentale nella celebrazione è ricoperto dai sette Priori e dalle sette Priore, che danzano e sorreggono la Puento; le Priore, in particolare, indossano i costumi locali autentici: abiti da sposa scuri e di lana, con corpino aderente, gonna lunga ed un foulard di seta color verde o viola, rappresentativi del Tempo Ordinario e della Quaresima. Gli abiti maschili invece (pantaloni e giacca di fustagno scuro, camicia bianca e cappello), usati in molteplici occasioni, non si sono conservati. Comunque, nei pressi delle case dei Priori, ogni anno vengono allestiti ricchi banchetti in cui rifornirsi di vino, bevande e dolciumi. 

Ad animare la festa sono anche i sette angioletti, che secondo la tradizione rappresenterebbero gli angeli scesi da Paradiso per posare sul capo di San Sebastiano la corona del martirio. Anch'essi con abiti degni di nota, chiari e lunghi, decorati con stelline argentate; portano una coroncina ed un paio di ali di cartone, il cui modello si ispira a quelle dei due angeli posizionati sui cornicioni degli altari della Chiesa Parrocchiale di Chiomonte. 

La consuetudine vuole che il 20 gennaio, alle ore 11, si svolga la Messa, seguita dalla cerimonia del Ballo della Puento in piazza della Chiesa.

Anche nella domenica più prossima le celebrazioni iniziano con la Messa delle ore 11 e proseguono nelle prime ore del pomeriggio con la sfilata per le vie del paese, con partenza da piazza Balp de Roche Brune ed alcune fermate  in cui priore e angioletti offrirono cibo e bevande, mentre in serata sono previsti balli e momenti di festa.

La tradizionale Festa di San Sebastiano

Festa di San Sebastiano del 1953 - Comune di Chiomonte


Per maggiori informazioni: Comune di Chiomonte, Festa Patronale

Condividi questa pagina