Celocelo, per far incontrare domanda e offerta ed aiutare le persone in difficoltà

Fa il verso al gioco delle figurine che tutti facevamo da bambini, il progetto "Celocelo" del Conisa, consorzio socio-assistenziale valsusino. Ve lo ricordate? Ci si radunava in gruppo, si confrontavano le figurine mancanti e le doppie, per organizzare lo scambio con gli amici al grido di "Ce l'ho, ce l'ho" (ribattezzato snobbando la grammatica "Celo"), oppure "Manca!". Ecco: in sintesi, il punto di partenza e di arrivo sono gli stessi.

Lo scambio di beni, a titolo gratuito, tra chi li possiede e non ne ha necessità e chi invece li sta cercando. Basata su una rete locale di enti no profit e servizi di prossimità, l'iniziativa si avvale di una piattaforma informatica su cui vengono registrati quanti mettono a disposizione il bene. Bene che può essere di varia natura, ovverosia bene materiale, alimentari, giacenze di magazzino, servizi professionali, corsi, laboratori e quant'altro.

Domanda ed offerta si incontrano sulla piattaforma, evitando di alimentare costi di logistica, in primis per quanto concerne stoccaggio, immagazzinamento e distribuzione. A beneficiare dell'offerta sono persone in difficoltà: nuclei familiari o singoli, che si trovano in situazioni di disagio economico conseguente ad esempio a malattia, perdita del lavoro, separazioni. A fare da mediatori sono organizzazioni del settore assistenziale ma anche persone che vengono spesso a contatto con famiglie bisognose.

Il progetto, sostenuto dalla Compagnia di San Paolo nell'ambito del bando "Fatto per bene", si avvale della collaborazione di numerose Onlus: le cooperative CSDA, il Raggio SCS Onlus, O.R.So, Il sogno di una cosa, L'arcobaleno, insieme ad  Avigliana Riusa, Fondazione Talità Kum Budrola Onlus, Con.I.S.A. (Consorzio Intercomunale Socio-Assistenziale Valle di Susa) ed Unione dei comuni montani Valsangone.

Utilizzare il servizio è davvero semplice: registrandosi sul sito, si accede alla sezione Celo, si sceglie la categoria del bene da offrire, si aggiungono le immagini a corredo e si preme invio. Viceversa, se si consulta la sezione Manca, è possibile sapere cosa necessiti e vagliarne la disponibilità. Una volta inserito il proprio annuncio, si verrà contattati per sapere come trasportare il bene offerto: anche in questo caso le modalità sono molteplici.

Si può provvedere alla consegna diretta all'ente accreditato di riferimento, scegliere il ritiro e la consegna a cura dello stesso, organizzare il ritiro a cura del beneficiario, oppure scegliere che il beneficiario o l'ente accreditato si facciano carico della spesa di trasporto. Il progetto, tuttavia, non sostiene le spese di smontaggio e montaggio del mobilio, che deve essere pertanto fornito smontato da chi lo offre e sarà riassemblato da chi lo riceve.

Ulteriori informazioni possono essere richieste contattando direttamente il Conisa di piazza San Francesco 4 a Susa, via mail: celocelo@conisa.it oppure chiamando lo 011-9311392.

 

Video di presentazione della piattaforma Celocelo

Condividi questa pagina