Le palline di semi, uno strumento “fai da te” per aiutare gli uccellini nella stagione invernale

Quando arriva la stagione fredda è bello cimentarsi nella preparazione delle palle di semi per gli uccellini, un impegno in cui si possono coinvolgere anche i bambini, educandoli alla tutela dell’ambiente e della fauna che lo popola. 

Se cercate nel web qualche ricetta per realizzarle, navigando scoprirete che molti le chiamano queste "Palle di Babbalù”. Non ne conosciamo la radice etimologica, ma sappiamo invece a cosa servono. 

Nel periodo invernale i volatili non vanno in letargo, ma la quantità di cibo a loro disposizione si riduce notevolmente. Niente coltivazioni, pochissimi insetti, invertebrati al riposo sotto terra: la sopravvivenza diventa veramente un’impresa. Inoltre, la rigidità delle temperature, oltre a richiedere loro un frequente arruffamento delle piume per conservare il calore corporeo, aumenta il dispendio energetico degli uccellini. 

Per garantirgli il fabbisogno calorico necessario ad affrontare la giornata vi consigliamo di preparare le palline di semi: sono delle vere e proprie bombe di energia per gli uccelli, che vi consentiranno di osservare, nel tepore di casa vostra, un cinguettante via vai di passeri, cinciallegre, pettirossi nel giardino o sul balcone.

LEGGI ANCHE: Che belli questi uccellini sul balcone o in giardino! Vi aiutiamo a riconoscerli

 

Siete pronti? Via alla preparazione

Per la loro preparazione spaziate con la fantasia, sbizzarrendovi tra semi e cereali (canapa, lino, girasole, farro, miglio e via discorrendo), frutta secca, pezzetti di frutta fresca, se volete anche dell’uva passa. Se siete troppo pigri per inventarvi una pallina personalizzata, sappiate che nei negozi di giardinaggio o negli store web esistono dei mix di semi già pronti. 

Mangiatoia Lipu

Mangiatoia in metallo sospesa. L'immagine, come quella sopra al titolo, è tratta da un interessante sito della Lipu di Brescia, che insegna a costruire le mangiatori per uccelli e fornisce qualche consiglio per la loro installazione.

 

È bene però sapere che esistono alcune alimenti che possono essere dannosi, come aglio e cipolla, che possono provocare anemia, ulcere ed irritazioni ad esofago e bocca degli uccelli. Cioccolato e caffè, invece, possono indurre iperattività, convulsioni, palpitazioni cardiache, fino a portare l’animale, in casi estremi, addirittura alla morte. 

Sconsigliatissimo anche l’avocado, responsabile di difficoltà respiratorie a causa di un derivato degli acidi grassi in esso contenuto, la persina. Sconsigliate anche patatine, crackers e pane, troppo ricchi di sale: arrecano disfunzioni renali, così come i cibi grassi sono responsabili del deposito lipidico nelle arterie. Bandito anche lo zucchero, che crea problematiche all’apparato digerente. 

Scelti gli ingredienti, procedete ad amalgamarli tra di loro usando come collante della margarina (preferibile al burro che tende ad irrancidire), dello strutto oppure, meglio ancora, del burro di arachidi. 

Abbiate però l’accortezza, se decidete di usare il burro d’arachidi, di prepararlo e non acquistarlo, perché quello industriale contiene sale che, come detto, non è benefico per gli uccelli. Non è difficile, basterà frullare una manciata di arachidi non salate con un po’ di olio di semi, fino ad ottenere un composto morbido ed appiccicoso, in cui versare in seguito i semi prescelti. 

Le palline ottenute vanno riposte per qualche ora in frigorifero a rassodarsi, e possono essere appoggiate sul davanzale delle finestre, nei vasi delle piante o incastrate nei rami degli alberi. 

Mangiatoia per uccelli che utilizza il cartone del rotolo di carta igienica

Una mangiatoia per uccelli che utilizza come supporto il cartone del rotolo di carta igienica. L'immagine è tratta dal sito Greenme, che insegna a realizzarla.

 

Se volete appenderle per osservare meglio gli uccelli (oppure perché nelle vicinanze ci sono dei felini...) vi sconsigliamo di usare le reti in plastica che abitualmente contengono aglio, limoni o arance: gli uccelli potrebbero restare impigliati con le zampe e non riuscire a liberarsi. Meglio acquistare una piccola mangiatoia oppure costruirla: sul web esistono moltissimi esempi e tutorial, anche realizzati in materiale riciclato.

In alternativa potete utilizzare come supporto per i semi una pigna oppure il cartone del rotolo della carta igienica: fateli rotolare prima nel burro di arachidi o nella margarina per renderli appiccicosi e in seguito nel mix di semi.

Ottenuta la vostra pallina/rotolo/pigna fai da te, appendetela all’esterno, su una pianta in giardino o su un balcone, avendo cura di lasciare uno spazio tutto intorno alla mangiatoia: gli uccellini potranno vedere meglio il cibo e svolazzare intorno prima di posarsi.

Condividi questa pagina